Sistemi di deumidificazione per settore industriale

Settore industriale

SISTEMI DI DEUMIDIFICAZIONE DELL'ARIA PER IL SETTORE INDUSTRIALE

Sistemi di deumidificazione per settore industriale

I processi produttivi industriali necessitano di un valore di umidità relativa dell’aria controllata, per evitare che le sostanze trattate vengano modificate. Alcuni esempi possono essere la lavorazione della plastica, dei prodotti farmaceutici e la lavorazione di prodotti elettronici. Livelli incontrollati di umidità influenzano la qualità, le prestazioni e l’integrità di molti di questi materiali, la sicurezza e alla consistenza del prodotto, nonché i costi di trasporto ed il valore di mercato. Una gestione efficace dell’umidità può migliorare notevolmente sia i costi operativi e qualità del prodotto.

Industria elettronica

Le apparecchiature elettriche sono molto influenzabili dagli effetti dell’umidità incontrollata. L’umidità corrode i componenti e i collegamenti saldati, può causare cortocircuiti, flash over e dispersione di corrente. Questo si traduce in: malfunzionamenti delle attrezzature, interruzioni di produzione e manutenzioni continue.

Industria lavorazione plastica

La plastica raccoglie dal 6 al 10% del loro peso secco in vapore acqueo. In molti casi, questo non è un problema. In altri, l’umidità può influenzare le dimensioni critiche, come per la dilatazione termica rendendo il prodotto inutilizzabile o comunque di qualità inferiore. L’uso di deumidificatori industriali permette di ottenere le condizioni ideali per la trasformazione, la lavorazione e lo stoccaggio delle
plastiche.

Industria farmaceutica

I prodotti farmaceutici sono tra i più sensibili ai cambiamenti di umidità e di temperatura. Le polveri, le compresse, capsule e liquidi possono cambiare la loro composizione e qualità a causa anche di una minima variazione di umidità relativa. Con l’uso dei deumidificatori industriali si possono ottenere le condizioni ottimali per la lavorazione e lo stoccaggio dei prodotti farmaceutici oltre preservare le
attrezzature durante il loro uso.

DRY-1000

L/24h: 93,6

DRY-1500

L/24h: 138,2

DRY-2500

L/24h: 216,3

DRY-4500

L/24h: 333,1

DRY-6500

L/24h: 465

DRY-2500 CT

L/24h: 216,3

DRY-4500 CT

L/24h: 333,1

DRY-6500 CT

L/24h: 465

Sistemi di deumidificazione per industrie alimentari

Industria alimentare

SISTEMI DI DEUMIDIFICAZIONE DELL'ARIA PER L'INDUSTRIA ALIMENTARE

Sistemi di deumidificazione per industrie alimentari

Con l’inserimento di un deumidificatore all’interno di industrie alimentari e agroalimentari si possono ottenere significativi benefici e vantaggi dal punto di vista del controllo climatico e dell’umidità relativa presente in ambiente.

I problemi causati dall’umidità

I processi di lavorazione, conservazione e trasporto nel settore agroalimentare necessitano un valore di umidità relativa dell’aria controllato per evitare un deterioramento dei prodotti stessi. Livelli incontrollati di umidità possono causare:

  • Alterazione delle proprietà dei prodotti
  • Proliferazione di muffe e batteri
  • Problemi di condensa
  • Danneggiamenti ai macchinari e alle strutture

Principali settori di utilizzo

  • Appassimento uva
  • Essiccazione erbe medicinali
  • Essiccazione frutta
  • Conservazione ed asciugatura di cereali e farine
  • Conservazione caffè
  • Essiccazione e conservazione tabacco
  • Allevamento bestiame
  • Essiccazione o allevamento funghi

Conservazione cipolle

Per permettere una corretta conservazione delle cipolle nei magazzini di stoccaggio ed evitarne il deterioramento, è necessario controllare l’umidità e la temperatura degli ambienti adibiti a tal scopo. La temperatura deve essere mantenuta tra 1 e 4°C con umidità relativa intorno al 60%.

Stagionatura formaggi

Per garantire una prodotto di qualità, è indispensabile stabilizzare temperatura ed umidità relativa nelle celle di stagionatura di formaggi; per i formaggi morbidi è necessario mantenere in ambiente una
temperatura di 5-10°C, per i formaggi stagionati, invece, 12-20°C. L’elevato rendimento ed i bassissimi costi di esercizio rendono i nostri impianti di deumidificazione particolarmente indicati quindi nel settore lattiero caseario.

DRY-1000

L/24h: 93,6

DRY-1500

L/24h: 138,2

DRY-2500

L/24h: 216,3

DRY-4500

L/24h: 333,1

DRY-6500

L/24h: 465

DRY-2500 CT

L/24h: 216,3

DRY-4500 CT

L/24h: 333,1

DRY-6500 CT

L/24h: 465

Deumidificatori all'interno di magazzini e depositi materiale igroscopico

Magazzini e depositi

DEUMIDIFICATORI D'ARIA ALL'INTERNO DI DEPOSITI E MAGAZZINI DI MATERIALE IGROSCOPICO

Deumidificatori all'interno di magazzini e depositi materiale igroscopico

I problemi causati dall’umidità

Locali come: centri di spedizione, magazzini, depositi, garage e locali deposito attrezzi possono subire considerevoli danni economici a materiali e attrezzature, dovuti ad un livello incontrollato dell’umidità. Un valore troppo elevato dell’umidità relativa può causare i seguenti danni:

  • Proliferazione di batteri
  • Comparsa di muffe
  • Presenza di condensa su vetri e muri
  • Deterioramento dei prodotti, delle attrezzature e della struttura edificata
  • Aria pesante e difficile da respirare per gli operatori e i lavoratori

La soluzione

L’installazione di un deumidificatore industriale permette di mantenere il valore dell’umidità relativa desiderato in modo da contrastare la formazione di condensa e quindi il verificarsi dei danni e problemi riportati in precedenza. I deumidificatori hanno un basso costo di esercizio e di manutenzione. L’installazione può avvenire direttamente all’interno del magazzino o in un locale tecnico. Il controllo del valore di umidità relativa ambientale avviene tramite un deumidostato che permette un funzionamento automatico del deumidificatore. Sono indicati per grandi ambienti e quando è richiesto il trattamento di elevate quantità d’aria.

DRY-1000

L/24h: 93,6

DRY-1500

L/24h: 138,2

DRY-2500

L/24h: 216,3

DRY-4500

L/24h: 333,1

DRY-6500

L/24h: 465

DRY-2500 CT

L/24h: 216,3

DRY-4500 CT

L/24h: 333,1

DRY-6500 CT

L/24h: 465

L'uso dei deumidificatori all'interno di cantieri e locali in restauro

L’uso dei deumidificatori d’aria all’interno di cantieri e locali in restauro

L'USO DEI DEUMIDIFICATORI D'ARIA ALL'INTERNO DI CANTIERI E LOCALI IN RESTAURO

L'uso dei deumidificatori all'interno di cantieri e locali in restauro

Le cause di un eccesso di umidità

Un valore eccessivo di umidità nei cantieri o nei locali di restauro rallenta notevolmente i tempi di costruzione. Infatti alcune operazioni quali la pittura e la posa di pavimenti e rivestimenti, richiedono gradi di umidità controllati. L’umidità nei cantieri è causata generalmente da questi fattori:

  • Umidità di costruzione, l’acqua utilizzata per la miscelazione di materiali e la pulizia
  • Rivestimento isolante esterno che non favorisce la traspirazione del vapore
  • Fattori esterni quali piogge e nebbie
  • Allagamenti

La soluzione

L’utilizzo di un deumidificatore carrellato può portare l’umidità dell’aria all’interno di un ambiente fino a valori molto ottimali che favoriscono l’asciugatura degli oggetti bagnati, dei muri, dei pavimenti rendendo più veloce il ripristino e consentendo un notevole risparmio economico.

Alcuni accorgimenti

Per favorire la deumidificazione dei locali:

  • Chiudere porte e finestre, per creare un ambiente senza ricambi d’aria
  • Creare dei movimento d’aria, aggiungendo ad esempio dei ventilatori
  • Se possibile riscaldare l’ambiente durante il periodo invernale: l’aumento della temperatura aumenta di conseguenza il rendimento del deumidificatore

KT-33 ECO

L/24h: 33

KT-38

L/24h: 33

KT-48

L/24h: 38

KT-58

L/24h: 44

KT-80

L/24h: 96

KT-58 CAR

L/24h: 44

KT-80 CAR

L/24h: 96

BAG-500

L/24h: 44

BAG-1000

L/24h: 96

Il controllo dell'umidità nelle fasi di lavoro di cacao e cioccolato

Il controllo dell’umidità durante le fasi di lavorazione di cacao e cioccolato

IL CONTROLLO DELL'UMIDITÀ NELLE FASI DI LAVORO DI CACAO E CIOCCOLATO

Il controllo dell'umidità nelle fasi di lavoro di cacao e cioccolato

Con l’inserimento di un deumidificatore durante le fasi di lavorazione e stoccaggio di cacao e cioccolato si possono ottenere significativi benefici e vantaggi dal punto di vista del controllo climatico e dell’umidità relativa presente in ambiente.

Dalla consegna degli ingredienti, alla produzione e fino allo stoccaggio, per i prodotti raffinati come il cacao e il cioccolato è fondamentale avere delle condizioni climatiche ottimali e sempre sotto controllo. Se ingredienti delicati come il cacao, lo zucchero o gli aromi in polvere vengono a contatto con l’umidità, la qualità dei prodotti dolciari verrà irrevocabilmente compromessa. Durante tutte le fasi di lavorazione del cacao e del cioccolato (trasporto,  produzione stoccaggio) occorre garantire aria secca, priva di umidità. Solo in questo modo è possibile mantenere gli ingredienti in ottimo stato, garantendo e salvaguardando la qualità dei prodotti finali.

I problemi causati dall’umidità

Cacao, cioccolato e dolciumi di ogni tipo sono alimenti che attirano a se l’umidità presente in ambiente. Quando si parla di cioccolato l’umidità è estremamente nociva, in quanto porta alla decomposizione dei grassi contenuti nel cioccolato stesso. Inoltre l’umidità e l’acqua portano alla dissoluzione dello zucchero contenuto nel cioccolato: non appena l’acqua assorbita evapora, sulla superficie si forma una patina di cristalli di zucchero. Il cioccolato diventa sgradevole e il suo sapore è così alterato da doverlo quasi gettar via.

La soluzione

Per non intaccare l’immagine dell’ azienda e per evitare conseguenti perdite economiche occorre porre subito rimedio ai rischi apportati dagli eccessi di umidità nella vostra produzione di dolciumi. Le
condizioni climatiche in fase di produzione sono fondamentali fin dalla consegna delle materie prime per garantire la bontà del prodotto finale. Anche durante la fase di trasporto e di produzione è necessario assicurare le giuste condizioni climatiche al fine di preservare la qualità della merce. La soluzione è eliminare l’aria piena di umidità presente in ambiente e “sostituirla” con aria secca. Questo è possibile con l’inserimento di un impianto di deumidificazione ad alte prestazioni.

DRY-1000

L/24h: 93,6

DRY-1500

L/24h: 138,2

DRY-2500

L/24h: 216,3

DRY-4500

L/24h: 333,1

DRY-6500

L/24h: 465

DRY-2500 CT

L/24h: 216,3

DRY-4500 CT

L/24h: 333,1

DRY-6500 CT

L/24h: 465

L'umidità durante le fasi di lavorazione e conservazione del miele

L’umidità durante le fasi di lavorazione e conservazione del miele

Con l’inserimento di deumidificatori all’interno di ambienti in cui avviene la lavorazione e la conservazione del miele si possono ottenere significativi benefici e vantaggi dal punto di vista del controllo climatico e dell’umidità relativa presente in ambiente.

Umidità e temperatura

Temperature superiori ai 45°C non aumentano di molto la fluidità del miele. Un’umidità relativa dell’aria inferiore al 60% consente di lavorare evitando che il miele assorba troppa acqua.

Assorbimento dell’umidità

Dato che il miele è altamente igroscopico, in caso di eccessiva umidità nell’aria (oltre il 60%) esso l’assorbe. Se l’ambiente è molto umido, come spesso accade nelle cantine, è necessario fare in modo che il miele non entri in contatto con l’aria carica di acqua. L’umidità ottimale nel miele deve essere del 18%. Oltre questa %, il miele può andare incontro a fenomeni di fermentazione, essendo una sostanza molto igroscopica. Poiché la vendita, di solito, avviene dopo mesi di stoccaggio, anche se i fusti sono stati chiusi ermeticamente, è importante verificare periodicamente i campioni prelevati nei fusti, perché un contenuto troppo elevato di acqua nel miele può causare problemi di conservazione e commercializzazione.

La soluzione

Per permettere che non vi siano eccessi di umidità durante le fasi di lavorazione e conservazione del miele è necessario l’inserimento di un deumidificatore d’aria, in grado di eliminare l’umidità troppo elevata all’interno dell’ambiente, e per riequilibrando la temperatura dell’aria.

Deumidificatori per la conservazione delle zucche

Deumidificatori d’aria per una corretta conservazione della zucca

Deumidificatori d’aria per una corretta conservazione della zucca

Durante le settimane che precedono la festa di Halloween, i produttori di zucche sono chiamati a proteggere il loro raccolto. Le aree di stoccaggio solitamente hanno pochissimi ricambi d’aria molto, e per questo motivo molto spesso è necessario inserire unità per il trattamento dell’aria adeguate, ideali per proteggere più di 50.000 zucche da un ambiente troppo umido.

Conoscendo i requisiti speciali richiesti per questo particolare tipo di applicazione, TECNOKLIMA è in grado di fornire la soluzione e l’assistenza migliore possibile al cliente finale. I deumidificatori ad uso industriale linea DRY, sono unità che vengono installate per garantire un ricircolo dell’aria in tutta l’area di stoccaggio. I deumidificatori DRY si adatto perfettamente all’uso in ambienti contenenti zucche, mantenendone lo stato ideale per la distribuzione.

I deumidificatori DRY vengono forniti, su richiesta, anche a noleggio, per poterli sfruttare, come in questo caso, solo per il periodo di raccolta e conservazione delle zucche, tipico di questo periodo.

Deumidificatori d'aria per la corretta conservazione di aglio e cipolla

Deumidificatori d’aria per una corretta conservazione di aglio e cipolla

Con l’inserimento di deumidificatori all’interno delle celle frigorifere per la conservazione di aglio e cipolla, si possono ottenere significati vi benefici e vantaggi dal punto di vista del controllo climatico e dell’umidità relati va presente in ambiente.

I danni causati dall’umidità

L’umidità è un parametro in genere poco considerato nel settore dell’immagazzinamento e conservazione dell’aglio e della cipolle: è da ritenersi invece uno degli aspetti principali per una corretta conservazione. Elevati livelli di umidità all’interno delle celle può dare inizio a fenomeni di anomala proliferazioni di muffe e batteri, provocando nei casi più gravi la marcescenza del prodotto. Una carenza di umidità nella conservazione/lavorazione della cipolla/aglio può determinare un calo di peso del prodotto. Le conseguenti perdite economiche sono notevoli.

L’umidità ideale

Il valore di umidità nella cella di conservazione cipolle dovrebbe essere compreso tra il 65% ed il 75%; questi valori possono variare a seconda della qualità delle cipolle immagazzinate, della varietà e della zona di produzione.

La soluzione

L’utilizzo dei nostri deumidificatori industriali durante le fasi di conservazione delle cipolle, riduce o evita la formazione di muffe sulla superficie della cipolla stessa. L’uso dei nostri deumidificatori in bassa
temperatura per la conservazione delle cipolle può evitare notevoli ed indesiderati sprechi di materiale, migliorando il processo di stoccaggio. I nuovi deumidificatori per celle conservazione cipolle rappresentano la soluzione ideale per un utilizzo nelle celle di conservazione agroalimentare e sono state progettate per controllare l’elevato ed indesiderato aumento dell’umidità relativa durante le fasi di stoccaggio e conservazione. I nostri deumidificatori industriali sono indicati per celle di conservazione cipolle o comunque in tutte e le situazioni dove sia richiesto il trattamento di elevate quantità d’aria.

I vantaggi

La corretta percentuale di umidità nelle celle di conservazione e stoccaggio cipolle, non solo limita o evita la formazione indesiderata di muffe che possono portare alla marcescenza del prodotto, ma permette e anche di prolungare i tempi di stoccaggio e conservazione che di norma non potrebbero essere raggiunti senza l’utilizzo dei nostri deumidificatori in bassa temperatura.

L'importanza della deumidificazione all'interno di piscine e palestre

Piscine e palestre

I problemi causati dall’umidità

Nelle palestre, spogliatoi, tensostrutture, sale da ballo, o comunque in tutte le sale dedicate ad attività sportive, un eccesso di umidità è causata dalla sudorazione delle persone presenti all’interno dell’ambiente e dall’utilizzo di docce e/o saune. Un alto valore di umidità causa può causare i seguenti problemi:

  • Comparsa di muffe
  • Condensa nei vetri e nelle pareti
  • Danni alle strutture e all’arredamento
  • Cattivi odori
  • Problemi respiratori

La soluzione

L’utilizzo di un impianto per la deumidificazione permette di regolare il tasso di umidità mantenendolo ad un valore che può andare dal 55 al 65%. I sistemi di deumidificazione sono dotati di deumidostato che permette un funzionamento automatico. Per strutture di piccole dimensioni si possono installare deumidificatori d’arredo da ambiente, macchine con un design elegante e moderno. Questi deumidificatori possono essere facilmente installati anche in un locale tecnico. Per strutture di grandi dimensioni si utilizzano  deumidificatori industriali canalizzabili con possibilità di controllare sia l’umidità che la temperatura.

L'uso dei deumidificatori per l'appassimento dell'uva

Appassimento uva

L'USO DEI DEUMIDIFICATORE PER L'APPASSIMENTO DELL'UVA

L'uso dei deumidificatori per l'appassimento dell'uva

L’appassimento dell’uva consiste nello “seccare” l’uva appena viene raccolta. Questa tecnica consiste nella disidratazione degli acini, cosicché, mentre gran parte dell’acqua evapora, gli zuccheri e altri composti organici si concentrano maggiormente. L’appassimento porta ad un’alta concentrazione del succo all’interno degli acini, che regala poi al vino più corpo e struttura.

I tipi di uva

In questa tecnica vinicola importante è il tipo di uve che si decide di utilizzare: la scelta dovrà ricadere sulla tipologia aromatica, differente dalle altre perché in essa maggiore è la presenza di composti aromatici liberi, che quindi risultano subito identificabili. Questo processo richiede poi particolare attenzione
nel preservare l’uva da contaminazione batterica e fungina, oltre che nell’assicurare una disidratazione che sia omogenea sul totale dell’uva, in modo tale da
preservare la qualità del prodotto finito.

Appassimento: il procedimento

Per ottenere un ottimo vino l’appassimento è fondamentale. È una fase molto critica e delicata, legata anche al ciclo delle stagioni. Le uve, sane e perfettamente mature, sono selezionate al momento della raccolta manuale. I grappoli sono adagiati in ampie cassette di plastica traforata, per garantirne l’ottima aerazione. Le cassette sono impilate nel fruttaio, un ampio areato locale sopra la cantina e sono periodicamente controllate in modo che l’appassimento avvenga in modo perfetto. Il fruttaio è predisposto in modo da garantire una costante aerazione delle uve in modo che la temperatura cambi con gradualità e non ci siano ristagni di umidità. L’appassimento deve procedere in modo molto lento.

La durata

L’appassimento dura in media 100 giorni, o di più a secondo la percentuale d’acqua contenuta in origine nelle uve. È l’acqua infatti ad “evaporare” dagli acini, lasciando quasi intatti gli zuccheri.

La soluzione

Il fruttaio è predisposto in modo da garantire una costante aerazione delle uve in modo che la temperatura cambi con gradualità e non ci siano ristagni di umidità. Per permettere che non vi siano eccessi di umidità durante le fasi di appassimento dell’uva è necessario l’inserimento di un deumidificatore d’aria, in grado di eliminare l’umidità troppo elevata all’interno dell’ambiente, e riequilibrando la temperatura dell’aria.

I vantaggi derivati dall’uso dei deumidificatori

Utilizzando un deumidificatore durante il processo di appassimento dell’uva si potranno avere i seguenti vantaggi:

  • appassimento omogeneo delle uve messe a riposo, a prescindere dalla loro posizione nel fruttaio;
  • riduzione degli scarti;
  • riduzione di superficie e di volumi impegnati, rispetto alle tecnologie in atto;
  • sostanziale abbattimento dei costi operativi ed energetici.

DRY-1000

L/24h: 93,6

DRY-1500

L/24h: 138,2

DRY-2500

L/24h: 216,3

DRY-4500

L/24h: 333,1

DRY-6500

L/24h: 465

DRY-2500 CT

L/24h: 216,3

DRY-4500 CT

L/24h: 333,1

DRY-6500 CT

L/24h: 465